Architetto Simona Agostino

Da Negozio ad Appartamento

CLIENTE PRIVATO

L'obiettivo dell'intervento: trasformare un negozio in un appartamento

Una famiglia allegra e solare, con un forte amore per i colori della pietra, ma con un pizzico di colore spruzzato qua e là. Gli ambienti sono stati intrecciati per rispettare le esigenze dei tre membri del nucleo famigliare. L’attenzione al risparmio energetico, con insufflaggio, ventilazione meccanica controllata e pompa di calore hanno permesso un importante abbattimanto dei consumi di climatizzazione e acqua calda sanitaria. L’ampliamento del volume abitabile e la sostituzione dei serramenti hanno garantito una buona luminosità in tutti gli ambienti e l’apertura di nuove viste verso il paesaggio circostante.

Dettaglio

Grazie all’inserimento di un’ampia vetrata angolare la zona giorno risulta illuminata durante l’intera giornata ed il corretto posizionamento dei corpi illuminanti consente, a seconda dei momenti della serata, di avere la giusta atmosfera luminosa: ad esempio per guardare la televisione, che può essere ruotata verso la zona pranzo o quella relax.

Architetto Simona Agostino
Architetto Simona Agostino

Dettaglio

La camera da letto, sgombera da suppellettili, essenziale e lineare con cabina armadio annessa. Le finiture con sfumature del marrone accostate alla parete in pietra conferiscono alla stanza un tocco di naturalezza e di calore. In ogni ambiente l’illuminazione è stata studiata per suggerire sensazioni differenti in relazione delle esigenze del momento: guardare il tv, leggere un libro,ecc. .

Dettaglio

Anche il bagno ha la sua personalità, un radiatore che scalda tecnicamente e visivamente rende lo spazio accattivante ma comunque elegante. Luci, materiali e colori sono stati abbinati e posizionati nello stile dell’abitazione. L’ampia doccia regala uno scorcio sul bagno come una grotta verso l’esterno del mondo.

Architetto Simona Agostino

Galleria Post Intervento

Galleria Pre Intervento

condividi questo progetto

Contattami

Vuoi realizzare il tuo proegetto?